10 settembre 2008

Recensione: il "Manzoni" di Gino Tellini

'I classici' di A. di Biase
Gino Tellini

"Manzoni"
Salerno editrice - 2007
pp. 376

Quella del Tellini - che insegna letteratura italiana a Firenze - è una biografia sul Manzoni estremamente dotta e quindi, va detto, non adatta ad una prima lettura sull'autore milanese.
L'opera è invece interessante laddove si punti all'approfondimento, soprattutto per quanto riguarda il legame tra l'uomo e la sua opera.

Dello scrittore si parla come di un uomo inquieto, credente ma senza eccessi, figlio illegittimo e nipote di Beccaria, balbuziente, non eccessivamente perspicace, sebbene coltissimo, e all'apparenza "quasi minchione".

Il volume ripercorre per intero la storia dell'opera manzoniana, ma le parti più interessanti sono quelle che si soffermano sulla lunga gestazione del Romanzo, dal "Fermo e Lucia" alla Ventisettana, fino alla completa "risciacquatura in Arno" dello scritto, la quale fornirà non solo un nuovo capolavoro alla nostra letteratura, ma anche e soprattutto un nuovo modello, oggi possiamo forse dire quello definitivo, alla lingua italiana.


Libero circuito culturale, da e per l'Insubria. Scrivici a insubriacritica@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.