23 marzo 2020

L'ITALIA IN GUERRA DI ANGELO IVAN LEONE

L'ITALIA IN GUERRA DI ANGELO IVAN LEONE



In questa che è "la nostra ora più buia" come il premier Conte ha già definito settimane fa questo nostro momento storico, citando l'immortale Churchill, dobbiamo fare tutti poche ma essenziali cose.
Dobbiamo seguire le leggi fino in fondo anche e soprattutto se queste ci comportano delle rinunce che ci appaiono importanti, perché queste rinunce non sono e non saranno mai niente, se messe a confronto della vita nostra e dei nostri cari cui il virus nostro nemico attenta.
Dobbiamo ragionare come se fossimo in guerra perché questa è, a tutti gli effetti, una vera e propria guerra. Pertanto nessuna polemica, nessun commento di critica alle decisioni prese in sede governativa. Ci dobbiamo militarizzare non solo a livello legislativo, ma a livello mentale. Questo non vuol dire pensare che tutto quanto quello sia stato fatto in sede regionale o nazionale, sia stato fatto bene e, soprattutto, nei tempi giusti. Ci sarà tempo di discutere su questo, ma non ora, né nei prossimi giorni. Perché adesso siamo in guerra e in guerra la polemica ha un nome solo: tradimento.
Combattiamo uniti, pertanto. Uniti e distanti, ne sono certo, vinceremo. E chi leggerà di noi, come ci ricorda proprio Churchill, potrà dire che riuscimmo a trasformare la nostra ora più buia nella più grande delle vittorie.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.