07 gennaio 2021

“Double face: scrittura e scrittore” di Miriam Ballerini a cura di Marco Salvario

 


Double face: scrittura e scrittore” di Miriam Ballerini

Marco Salvario

Chi compra un libro, lo fa principalmente per due motivi: imparare o divertirsi. “Double face: scrittura e scrittore” può essere scelto per entrambi. È un volume agile, vario, ricco di citazioni, esempi ed esperienze personali dell’autrice, che insegna, fa riflettere, si legge di un fiato come un romanzo e si può rileggere più volte per raccogliere emozioni e consigli nuovi.

Autrice impegnata e pluripremiata, Miriam Ballerini mette su carta le proprie esperienze come insegnante di scrittura creativa e lo fa senza promettere l’impossibile, ma convincendo e motivando il lettore, portandolo a riflettere sulle proprie motivazioni, sul rapporto con i futuri lettori e sulla tecnica di scrittura. Il proposito dell’autrice è dichiarato con chiarezza: “Il corso è una mia creatura per spiegare come si costruisce un libro”, una scommessa coraggiosa e ambiziosa, che arrivati all’ultima pagina, si può considerare vinta.

Un vantaggio di questo libro rispetto ai tanti manuali che circolano, diversi per impostazione e sostanza, è che non presenta tanto un metodo, quanto permette di confrontarsi con una scrittrice vera, nata e cresciuta fuori da una dinamica interna al mondo editoriale, che ha saputo fare e costruire da sola il proprio percorso, mietendo negli anni riconoscimenti e successi.

Giustamente il primo passo che uno scrittore deve compiere, è domandarsi quali messaggi si vuole comunicare al lettore. Scrivere può essere facile, scrivere bene non lo è, e Miriam Ballerini ci insegna molte verità, come a fare attenzione nella scelta delle parole, dei verbi giusti per evitare errori e dare eleganza al proprio stile. A scrivere bene s’impara leggendo, ma la lettura deve essere gestita con intelligenza per essere utile. Il racconto deve essere pianificato e modellato con cura, rifinito in ogni sua fase rispettando i personaggi principali e quelli secondari.

Non mi soffermo oltre sui consigli e sui metodi, riportati in nove lezioni, che ogni lettore personalizzerà seguendo la propria sensibilità, i propri gusti e la propria pazienza. Lezioni e non capitoli, perché si sente che si tratta di lezioni vere, pubbliche, tenute con lo scrupolo e la preoccupazione di informare, di aiutare a memorizzare i concetti con esempi e aneddoti talora amari ma tratti dalla vita vissuta, e soprattutto di non annoiare mai.

Alla fine “Double face” si dimostra un libro prezioso per tutti coloro che, anche non aspiranti scrittori, sentono il fascino quasi magico e la meraviglia di quei “simboli neri su sfondo bianco”, che permettono agli uomini di fermare per sempre parole, pensieri e storie, senza lasciarle svanire nell’oblio.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.

IL SALE E GLI ALBERI – La linea curva della deistituzionalizzazione - di Ernesto Venturini a cura di Miriam Ballerini

  IL SALE E GLI ALBERI – La linea curva della deistituzionalizzazione - di Ernesto Venturini Io ne ho viste di cose che voi umani non pot...