02 gennaio 2009

Geografia: l'alpeggio e la transumanza

Nota enciclopedica
L'alpeggio e la transumanza sono spostamenti stagionali e ciclici di bestiame e pastori da e verso pascoli situati in altitudine. Sebbene spesso i due termini vengano confusi esistono significative differenze tra alpeggio e transumanza.
L'alpeggio è uno spostamento stagionale, a breve raggio, per bestiame essenzialmente costituito da vacche da latte e da qualche pecora, verso pascoli parecchio più elevati dei villaggi originari. In quota il pascolo, generalmente di proprietà comunale, è assistito da abitazioni provvisorie per i pastori, corredate da attrezzature atte ad una prima lavorazione del latte se non da veri e propri caseifici artigianali.
La transumanza è invece uno spostamento a lungo raggio per mandrie di pecore e qualche capra, che si svolge sempre dalla pianura verso pascoli in altitudine. Le distanze da percorrere sono in questo caso notevoli, non solo in senso verticale, ma anche orizzontalmente, spesso da una regione ad un'altra. Pascoli tipici per la transumanza mediterranea sono quelli ad esempio dell'Appennino abruzzese, ai quali corrispondono stalle per il ricovero invernale situate nel Tavoliere pugliese o nella campagna romana, al di qua ed al di là delle montagne.
Oggi la transumanza si è meccanizzata e, pur rimanendo un metodo tradizionale di allevamento, utilizza spesso il treno o l'autocarro per un trasporto veloce.
--------------------------------
Autore: A. di Biase
Revisioni:
Fonte: Compendio di Geografia umana, Dagradi-Cencini, Pàtron editore
Fonte fotografica: www.globalgeografia.com

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.