11 ottobre 2011

Expo 2015 - Milano

A PALAZZO CUSANI  DI  MILANO,  LA  SOCIETA’ “EXPO2015 “  INCONTRA  IL CORPO CONSOLARE  E  LE 192  COMUNITA’ DI  MILANESI  INTERNAZIONALI

Il Presidente della Provincia di Milano Guido Podestà assicura che la deroga al Patto di Stabilità è stata fatta al fine di rispettare la missione in modo tale che i cittadini milanesi non abbiano ad avere un danno

 Il 6 ottobre scorso, nella stupenda sala Radetzky dell’importante e splendido Palazzo Cusani della famosa zona Brera di Milano, la Società Expo2015 ha incontrato l’intero Corpo Consolare (il più numeroso al mondo, dopo quello di New York) e tutte le Istituzioni impegnate nella realizzazione del progetto dell’“Esposizione Universale Expo2015” nel quale 192 (centonovantadue) comunità milanesi internazionali si stanno preparando per l'“International Partecipants Meeting” di Expo 2015. Il Meeting si svolgerà nei giorni 25, 26 e 27 ottobre 2011 e avrà luogo tra Milano e Cernobbio, mentre, l’incontro fissato per lunedì 24 ottobre è a Palazzo Reale di Milano nel quale verranno presentate le sfide e le tappe principali del progetto Expo2015. Per tale evento l'Amministrazione Comunale inviterà i rappresentanti di tutte le Comunità Internazionali di Milano e le loro Associazioni di Cultura, Fede, Tradizione.

Ha aperto la Conferenza il Console Generale di Spagna Emilio Fernandez-Castanò, Decano Coordinatore del Corpo Consolare di Milano Lombardia, il quale ha fatto presente che il Corpo Consolare che lui rappresenta ha una duplice funzione che lo avvicina a questo Progetto Strategico Universale. Questa duplicità li vede da una parte rappresentanti della Comunità Internazionale a Milano-Lombardia, condividendo con le autorità dell’Expo l’ambizione di fare di questo evento veramente un appuntamento del Mondo che conta, del Mondo economico e con tutte le forze che sono convocate da questo invito e, dall’altra rappresentano i loro concittadini che hanno scelto Milano-lombardia per vivere, crescere e lavorare. Il loro intento è quello di far crescere il progetto dell’Expo nel cuore dei milanesi e fare di questo evento un esempio  di creazione.
Ha poi preso la parola Giuliano Pisapia, Sindaco di Milano e Commissario Straordinario di Expo Milano2015, sostenendo che si stanno apprestando a dare il via alla fase operativa dell’Expo 2015. “E’ stato molto importante incontrare i rappresentanti del Corpo Consolare delle Rappresentanze Commerciali e delle Comunità Straniere della nostra città – afferma il Sindaco - perché grazie al clima di collaborazione tra le istituzioni e gli enti coinvolti, siamo riusciti ad instaurare e rafforzare sempre più una sensazione di positività e di fiducia tra i milanesi e in tutto il Paese e, soprattutto, anche a livello internazionale. Ciò contribuirà a fare dell’Expo un evento propositivo capace di dare delle risposte alle comunità internazionali. In questo percorso – prosegue Pisapia - il Corpo Consolare ha assunto un ruolo attivo, partecipe e da protagonista, assumendo una presenza indispensabile e di grande potenzialità, diventando una risorsa essenziale per lo sviluppo del Paese”. Inoltre, il Sindaco ha affermato che è in arrivo la deroga al Patto di stabilità in quanto il Governo ha fatto sapere che manterrà gli impegni, perciò i progetti ci sono e si porteranno avanti.
Presente alla conferenza c’era il Presidente della Provincia di Milano Guido Podestà, il quale, prendendo la parola, per prima cosa ha ringraziato dell’ospitalità il Generale di Brigata Camillo de Milato, Comandante l’Esercito Militare Lombardia che, con le sue valenti capacità manageriali, ha fatto di Palazzo Cusani un luogo straordinario per importanti incontri. Poi, con soddisfazione, ha affermato che le Comunità Straniere presenti nel nostro territorio hanno avuto un ruolo fattivo fondamentale per l’Expo2015, occasione eccezionale per le decine di milioni di persone che verranno per questo evento e che avranno anche l’opportunità di conoscere e visitare oltre alla nostra bella Lombardia, anche la nostra splendida Italia.  Il Presidente della Provincia ha assicurato che la deroga al Patto di Stabilità è stata fatta al fine di rispettare la missione in modo tale che i cittadini milanesi non abbiano ad avere un danno. Per tale motivo, le Istituzioni e, tra queste il Corpo Consolare, sono state coinvolte per una perfetta sinergia tendente a dare una risposta adeguata a quella che è l’opportunità e la straordinarietà dell’evento Expo2015.
Paolo Alli, Sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia, ha portato i saluti del Presidente Roberto Formigoni il quale è anche Commissario Generale Expo 2015, nonché referente e garante ultimo. Il Sottosegretario Alli ha affermato “La Regione ha sempre creduto moltissimo in questa iniziativa perciò il Presidente Formigoni sta dando il suo contributo con grande impegno nei confronti del BIE e verso i Paesi espositori, affinché l’Expo2015 possa diventare un evento nazionale capace di coinvolgere tutto il nostro Paese”.
Diana Bracco, Presidente della Società Expo2015 e Vice Presidente di Confindustria e Camera di Commercio Milano, ha sottolineato che il sistema imprenditoriale italiano crede in questo progetto speciale perciò si può contare sul contributo positivo che il sistema delle imprese italiane e della Camera di Commercio vogliono dare all’evento. “Ciò permetterà alla Società Expo2015 di contare su migliori energie organizzative, tecnologiche, produttive e finanziarie del Paese – afferma la Presidente Bracco –  e grazie all’Esposizione Universale “Exp2015” tutti i Paesi aderenti avranno una grande e irripetibile opportunità per affermarsi”.
Giuseppe Sala, Amministratore Delegato della Società Expo2015, ha sottolineato la necessità di un contributo attivo di tutti i Paesi che hanno aderito, augurandosi che altri possano seguire l’esempio.  Inoltre, l’Amministratore Delegato Sala fa sapere che si accoglieranno anche le richieste di altri Paesi che hanno nominato un Comitato delle Comunità delegato a Milano e che si accoglieranno anche le adesioni di Paesi in fase di sviluppo “Tendere un supporto importante a tali paesi – afferma Sala - da un senso importante all’Evento, perciò, mi auguro che le adesioni possano arrivare al più presto affinché si possa sistemare la location”.
Stefano Gatti, Direttore per gli Affari Internazionali della Società Expo 2015, con soddisfazione ha affermato che la Società è già operativa per la realizzazione dell’Expo2015, che hanno iniziato a lavorare con i Paesi Partecipanti, ma che è importante anche lavorare con Paesi non ufficiali. Affinché tutti possano essere informati sulle modalità di partecipazione all’Expo2015, la Società ha già duplicato e distribuito la guida che fornisce tutte le informazioni necessarie che le Ambasciate all’estero hanno già distribuito. “Il primo strumento di informazione – afferma il Direttore - sono i canali diplomatici del nostro Paese e degli Affari Esteri, perciò, è importante avere la collaborazione delle rappresentanze diplomatiche; il secondo strumento è fare un Meeting annuale con tutti i partecipanti che serva non solo ad informare, ma soprattutto a discutere le idee più innovative, ricevere i loro consigli che sono fondamentali per sviluppare i nostri concetti. Noi – prosegue Gatti - come società Expo2015 siamo pronti, tanto è vero che nei prossimi giorni firmeremo i primi contratti con i partecipanti”.
L’Assessore alla Cultura del Comune di Milano Stefano Boeri, ha sottolineato che la caratteristica di Milano è quella di essere una città a livello internazionale. “Le 191 Comunità di milanesi internazionali – sostiene Boeri - sono testimonianze per il mondo del futuro e, pertanto, i cittadini milanesi sono europei, africani, asiatici, americani. Queste Comunità, se unite in un unico grande progetto culturale ed economico, possono trasformare Milano in un’importante metropoli cosmopolita con progetti legati alle energie rinnovabili, all’agroalimentare e all’enogastronomia multiculturale con funzione trainante e, queste risorse, possono essere per tutti opportunità in termini economici. Milano – prosegue Boeri - ha delle risorse formidabili nel ruolo agroalimentare e dell’enogastronomia e il nostro ruolo nell’Expo2015 è quello di lanciare un’idea nuova che è un rapporto nuovo tra città e agricoltura”.  
Il Console Generale di Spagna Emilio Fernandez-Castanò, nel porre termine alla conferenza, ha sottolineato che tutti i Consoli coinvolti nel progetto Expo2015 si sentono formali partner della squadra. Infine, molto emozionato, nei confronti del padrone di casa Generale di Brigata Camillo de Milato, ha avuto delle belle parole di ringraziamento e gratitudine per l’ospitalità, rimarcando quanto Palazzo Cusani possa essere immagine rappresentativa di grande interesse sotto tutti i punti di vista.

                                                                                    Principia Bruna Rosco

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.