14 maggio 2010

Libri: "Il principe imperfetto" di Manuela Muttini

Attraverso le pagine di questo libro il lettore viene condotto all’esplorazione della parte interiore dell’autrice che in modo personale e intenso testimonia il suo percorso alla ricerca di un equilibrio tra sogno e realtà: “non avendo paura di cedere alle dipendenze emotive ed affettive” il cui obiettivo sarà raggiunto “quando il passato, il presente e il futuro si incontreranno unendo ambizioni con relazioni, affetti con realizzazioni, testa e cuore”. Un ironico ricordo, racconto di esperienze passate in uno stile spontaneo, vivace e diretto in cui l’universo femminile può interrogarsi sul senso delle diverse storie d’amore: un insieme di domande, risposte e speranze fanno riflettere sul divario tra desiderio e la vita reale. Il percorso dell'autrice, regista e protagonista, è tenace alla ricerca del grande sogno, ossia trovare il vero e unico AMORE in questa vita moderna, ove l’identità personale e la propria consapevolezza destabilizza questa chimera sentimentale: “solo quando troverò l'amore con la persona che mi darà questa forza ci sarà la trasformazione: qualunque cosa guarderò attraverso l'amore diventerà automaticamente bella e perfetta”. C’è speranza nel suo futuro, saldi principi e l’assoluta convinzione che nulla sia scontato: testimonianza di un'orgogliosa donna di oggi che, intenta a sperimentare nuovi approcci alla vita, non rinuncia al sogno romantico, ne segue le convenzioni facendone già così una donna vincente. Esplora se stessa senza paura per raggiungere l'equilibrio che la completerà. “In attesa di ciò... mi lascio andare a qualche piccola “follia” ed è' proprio in questi rari momenti che mi libero totalmente dei dubbi e delle paure, facendo riemergere la mia parte “Peter Pan” che può trovare vita semplicemente nell'esprimere la mia immaginazione in ogni cosa come se fosse l'ultima”.
----------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.