03 aprile 2009

Libri: "Sospiri condivisi" di Silvana Stremiz

SOSPIRI CONDIVISI amore e sensualità di Silvana Stremiz
© 2009 Edizioni del poggio ISBN 978-88.89008-53-9
Pag. 74 € 7,50

E’, questa, la quinta raccolta di poesie di Silvana Stremiz. Dopo aver ottenuto coi volumi precedenti diversi riconoscimenti in alcuni concorsi, l’autrice si è cimentata in questo nuovo lavoro.
La prima cosa che colpisce è il titolo: due vocaboli che esprimono perfettamente il concetto di unione, di fusione di due persone. Sia sotto l’aspetto affettivo che quello erotico.
Barbara Brussa, nella sua prefazione al libro scrive: “ Pensieri condivisi porta a sentire l’espressione della nostra anima, invitandoci a seguirla attraverso i labirinti dei sensi . Lì dentro ci perderemo per ritrovare noi stessi … Perché noi siamo ciò che sentiamo”.
La Stremiz ci parla d’amore, distillandolo in poesie dal tocco delicato, intrise di sentimento; di erotismo muliebre, che mai scade nella volgarità.

TI AVRO’
Giocherò con il chiaro di luna
con i suoi riflessi
sui seni scoperti.
……………………………….

Con semplici parole quali i respiri: i brividi, i sospiri, le trasparenze, ci porta a immaginare senza aver bisogno di dire; ma solo accennando con rapidi tocchi.

PRIGIONIERO
Mentre il tuo sguardo
incrocia il mio guardare
che cela la mia voglia di te,
sospiri e respiri si confondono.
………………………………..

Silvana riesce a parlarci dell’amore maturo, di lunga durata.

HO VOGLIA
Ho voglia di stare con te
per quel tempo che ci rimane,
fra i ricordi di ieri
le tue braccia di oggi
per poi vivere insieme
il nostro domani.
……………………….

Ma senza tralasciare la sorpresa quotidiana, genuina e “adolescenziale” dell’amore.

NASCE L’ALBA
Con quei baci
che mi disegnano.
………………….

L’autrice tratteggia il suo quadro dell’amore, aggiungendo gli ingredienti che occorrono per mantenerlo vivo: l’affetto, il rispetto, il sesso, la condivisione. Un pizzico di mistero e la voglia
di giocare.

INFINITI MISTERI
Quel corpo nudo
non lo è mai stato
conserva ancora …
infiniti misteri.
…………………….

Dice nella sua prefazione Federico Illesi: “ Amare non significa pensare allo stesso modo, ma respirare la stessa aria”.
La Stremiz ci dona in questa raccolta brani di puro amore e eros, rivelandoci il suo essere e sentirsi donna: amica, moglie, amante. Un ruolo complesso che si snoda nel libro accompagnato da bellissimi disegni che aiutano a tratteggiare, come lei stessa dice in un suo pezzo: “Questo amore che mai passato avrà”.

© Miriam Ballerini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.