02 ottobre 2008

Vajont, per non dimenticare

45 anni fa avveniva una tragedia che per dimensioni e strage ha il triste primato sia italiano che europeo. Per l'anniversario del 9 ottobre mi è stata richiesta una poesia che verrà letta davanti alle autorità presenti; è stato invitato anche il Presidente Napolitano.




Per non dimenticare:


1963 – 2008 (Vajont)

L’acqua, mano di gigante,
si riversò a fiume.
I tetti delle case
più non solleticarono
l’aria del cielo,
ma rotolarono via
come banali biglie.
Spazzati, divelti
uomini e cose
di nulla si vestirono.
La bocca di fango
riempita e zittita.
Ma i morti ricordano,
i morti non tacciono.
Silenti gridano
fiati di vento
la loro fine.



© Miriam Ballerini
 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.