02 maggio 2007

La Madonna della fontana

La chiesa della Madonna della Fontana è situata nel comune di Spίlinga, in quella parte della provincia di Vibo Valentia che, protendendosi verso il mare e lo Stretto, segna il perimetro del promontorio del Poro, spingendo il visitatore verso le spiagge cristalline di Capo Vaticano o alla bella cittadina turistica di Tropea. Difficile dire con precisione se il nome Poro derivi da Poros, ma certo la tentazione di crederci è forte pensando ad una terra con una storia che è sempre stata un perfetto connubio di povertà e di grande intraprendenza agricola, molto prima che la regione conoscesse la propria vocazione turistica. Per arrivare al Santuario si percorrono strade dissestate e serpeggianti in mezzo ad una vegetazione rigogliosa di fiori di campo e di gialla cicuta che contorna i campi di olivi, le greggi e le fattorie di quest’ultimo angolo di antica e profonda Calabria; in fine si arriva in quello che appare come un bello e grande giardino dominato dall’acqua di una fonte perenne che sgorga dalla roccia. La chiesa, bella nella sua essenzialità costituita da una cupola retta da quattro archi a tutto sesto, in mattone rosso, che poggiano su muri in tufo, dà l’impressione di avere conosciuto una primitiva impostazione romanica, ma soprattutto appare come più recente rispetto al luogo originario su cui poggia, il quale è scavato nella montagna che partorisce l’acqua, fino a formare un piccolo laghetto a basso fondale, probabilmente ben frequentato in Estate - sotto gli alberi e sulle panchine che lo costeggiano-, dai pellegrini in cerca di refrigerio. E’ una chiesetta perfettamente consacrata, con un’unica statua della Vergine, un altare e poche panche per sedersi, ma non si recitano di regola messe programmate: i genitori del posto paiono prediligere questo luogo per il Battesimo dei propri figlioli, che secondo la tradizione vi entrano vestiti di bianco raso, per uscirne purificati e contornati da una collanina d’oro appena ricevuta in dono.
(A. di Biase)
------------------------------
Libero circuito culturale, da e per l'Insubria. Scrivici a insubriacritica@gmail.com

1 commento:

  1. Anonimo15:14

    Vero luogo di culto ed orazione non soggetto a mercantizie.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.