23 febbraio 2007

Film – L’ultimo re di Scozia – a cura di Bruna Alasia
L’ULTIMO RE DI SCOZIA
Regia di Kevin MacDonald

Con Forest Whitaker, James McAvoy, Kerry Washington, Simon McBurney, Gillian Anderson.

Nicholas Garrigan (l’avvenente James McAvoy), medico scozzese appena laureato, decide di volare in Uganda per appagare desiderio di avventura e spirito missionario. In Africa si imbatte in Idi Amin, il leader del momento (Forest Whitaker, candidato all’Oscar quale migliore attore protagonista) perché chiamato a soccorrerlo dopo un incidente con la Maserati. Amin, che tra l’altro ha un debole per la cultura e le tradizioni scozzesi (da qui il titolo del film), rimane affascinato dalla franchezza del giovane e gli offre l’opportunità di essere suo medico di fiducia. Sedotto dalla prodigalità del dittatore, dai lussi e divertimenti della sua vita, Garrigan si inoltra in un labirinto fatato che scoprirà diventare un girone infernale…

Thriller politico, tratto dal fortunato romanzo di Giles Foden, “L’ultimo re di Scozia” mescola finzione e storia di oggi e attraverso una fiction avventurosa ci avvicina alla conoscenza di uno dei più sanguinari dittatori che il mondo abbia avuto.

Idi Amin, ex pugile e soldato venuto dal nulla, nel 1971 arrivò al potere con un colpo di stato contro Milton Obote, filocomunista corrotto, grazie al complice opportunismo di molti paesi e media occidentali. Affascinò il suo popolo con l’orgoglio di una personalità appassionata e sferzante, finché non emersero lo spietato assassinio degli oppositori, le allucinazioni a guida di appetiti bizzarri e inarrestabili, il nazionalismo paranoico che portò all’espulsione di 50000 asiatici dall’Uganda, la guerra con i paesi confinanti, il sostegno all’OLP in un attentato terroristico. Durante il suo dominio gli ugandesi morirono a centinaia di migliaia e si tramandano episodi di cannibalismo a opera sua e dei suoi più stretti collaboratori.

Il film, che al botteghino ha superato persino James Bond, si può vedere.

Libero circuito culturale, da e per l'Insubria. Scrivici a insubriacritica@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.