11 settembre 2006

La storia secondo Gramsci

"Io penso che la storia ti piace, come piaceva a me quando avevo la tua età, perché riguarda gli uomini viventi e tutto ciò che riguarda gli uomini, quanti più uomini è possibile, tutti gli uomini del mondo in quanto si uniscono tra loro in società e lavorano e lottano e migliorano se stessi non può non piacerti più di ogni altra cosa".

Antonio Gramsci, da una delle ultime lettere al figlioletto Delio nell’anno della morte (1937).

(A. Gramsci - Lettere dal carcere – Einaudi - euro 19.00)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e controllati quotidianamente.
Tutte le opinioni sono benvenute. E' gradita la pacatezza.